Qualcuno soffre di immaginazione acuta in famiglia?

Se avvicino troppo le dita al viso mi si incrociano gli occhi, poi tengo le mani ferme e scosto lo sguardo perchè le palpebre mi danno un po’ di dolore; le unghie color marrone si sfocano e quello che vedo è un bel cielo turchese, vento allegro e aria danzante. Ci sono anche i passerotti. Questo quadro naturale l’ammiro dall’interno, con un vetro trasparente che fa da filtro invisibile, da dietro una tenda ocra stropicciata; con il sole che penetra in camera, la luce è luminosamente piacevole e dopo giorni in cui sono stata rinchiusa nel corpo di una novantenne, finalmente torno a respirare a pieni polmoni.

Mi sono tanto indispettita, ma stavolta l’ho fatto facendo valere le mie ragioni. Ovvero, il discorso che portavo avanti nel mio ragionamento era sensato, conciso, lecito…..a patto che anche voi l’aveste pensata come me! Continua a leggere

Annunci