Quello che le donne sono

“Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso
sei un granello di colpa
anche agli occhi di Dio
malgrado le tue sante guerre
per l’emancipazione.
Spaccarono la tua bellezza
e rimane uno scheletro d’amore
che però grida ancora vendetta
e soltanto tu riesci
ancora a piangere,
poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,
poi ti volti e non sai ancora dire
e taci meravigliata
e allora diventi grande come la terra.”

Alda Merini

Le donne corrono, sono frenetiche e sono così presuntuose da impegnarsi tanto per poter compiere più azioni nello stesso momento. Tutte insieme e nel minor tempo possibile. Ma sono donne e ci riescono sempre. Le donne hanno la testa piena di pensieri, vi mettono idee, cattiverie, malizie, sogni futuri, progetti da fare con gli amici, elencano gli acquisti e chi più ne ha più ne metta. Ma guai a voi se tirate fuori un’agenda. Loro ricordano tutto a memoria, ogni dieci minuti proiettano nell’aria il calendario virtuale degli impegni per fare il punto della situazione.
E poi gli impegni si accavallano, credevi di essere libera e invece un piccolo particolare ti fa saltare in mente che avresti già dovuto essere dall’altra parte della città per poi tornare indietro a prendere l’amica e correre di nuovo nei punti d’incontro, e trovarsi e chiacchierare e ricordare i momenti in cui tutta questa frenesia era solo per le nostre mamme. Le donne fissano appuntamenti, vogliono andare la e sfuggire di qua, non possono non essere presenti e così programmano, organizzano e riempiono le loro giornate, animano le loro notti, rallegrano lo scandire delle ore. Sono intraprendenti e non hanno bisogno di nessun altro per essere donne; sono indaffarate e stanche, sono pazienti e amorevoli, sono belle e cattive. Si mettono col volto a tre quarti e alzano leggermente il mento, e poi si, poi strizzano gli occhi e accennano un morso al labbro inferiore, fissano altri occhi e sono sempre le ultime ad abbassare lo sguardo.
Ammaliano e catturano, scrivono per sfogo e involontariamente inviano messaggi subliminali che fanno illuminare le antenne agli uomini. Quegli alieni strani e così buffi.
E poi sono sempre in ritardo, ma a loro tutto è permesso e vengono sempre perdonate per questo; si truccano e i loro capelli profumano che ti verrebbe da infilarci la faccia dentro, comprano vestiti da una vita ma non sanno mai cosa mettere, il loro armadio è stracolmo e potresti perfino nuotarci all’interno.
Sono sempre uguali ma ogni giorno le trovi diverse, si arrabbiano e sono testarde. Non vogliono mai credere alla realtà ma seguono ciò che gli detta l’intuito fuorviato dalla speranza. E non hanno intenzione di cambiare idea nonostante sappiano bene di avere torto.
Ricevono i messaggi che le fanno sentire donne, ringraziano quegli uomini che almeno un giorno l’anno ne parlano soltanto bene, leggono e appena alzano lo sguardo si rendono conto che il sorriso che hanno stampato in faccia, senza accorgersene, arriva fino alle orecchie. Quelle orecchie illuminate dai loro fili cadenti che rendono i loro occhi lucidi.
Lucidi perche con il loro essere riescono a dimostrare agli altri il proprio valore…

“Rispetto per se stesse, orgoglio, sensualità,
pazzia, bellezza, intelligenza,
questo è l’essenza dell’essere donna.
Quindi, oggi più che mai, auguri DONNA.”

.

Martina

Annunci

3 thoughts on “Quello che le donne sono

  1. >Diventi ogni giorno più brava!Inutile dire che concordo con tutto ciò che hai scritto. Non so chi ti abbia scritto le ultime parole, ma non dimenticarle mai. (:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...